Home » Lavori realizzati » Social Video & Storytelling video

Social Video & Storytelling video

VELVET FACTORY

Velvet Factory, è la creatura di Paolo Graceffa, dove la passione e lo studio si fondono per raggiungere un unico obiettivo: il benessere fisico e mentale della persona.
“Oggi, dopo più di 25 anni di attività, la mia passione ed il mio entusiasmo restano immutati ed è ancora forte la voglia di misurarmi con sfide, umane e professionali, sempre nuove. Rimane fermo solo l’obiettivo: prendermi cura degli altri.” [Paolo]

Assieme alla fotografa Cecilia Vaccari, compongo il piccolo team che da alcuni anni crea la comunicazione multimediale per Velvet Factory, che così è diventata di riflesso anche una nostra creatura da curare e far crescere. Elevare i concetti di passione, studio e trattamenti di Paolo, assieme al fatto di valorizzare la cultura dei messaggi, facendo anche educazione, sono fra i nostri principali obiettivi. Far capire, attraverso i testi, la fotografia ed il video, cosa significa ricevere un massaggio, ma soprattutto far capire il come ed il quando.

In questi anni, abbiamo lavorato oltre che sui concetti espressi prima, anche sull’identità fisica di Paolo come personaggio e come figura di riferimento per il benessere del proprio corpo e della propria mente. Le persone, oggi più che mai, vogliono ‘conoscere’ virtualmente le persone, identificarle in più modi e ricevere delle storie. Storie come quella della signora di Belmonte Calabro, storie che parlano di Mediterraneo e integrazione o più semplicemente di storie che ti parlano delle proprie radici.
Lo storytelling infatti, nasce dall’arte della narrazione e del raccontare. Oggi si utilizza in maniera massiccia in ambito social per comunicare in maniera efficace un brand o un servizio in modo da ampliare la platea di potenziali clienti.

Assieme a Cecilia e con la collaborazione di Paolo, abbiamo quindi deciso di creare un nuovo metodo di racconto, partendo dalla vita stessa di Paolo. Come ha iniziato a fare il massaggiatore e perché. Da quale mondo proviene. Cosa significa per lui un massaggio. Perché essere massaggiato. Abbiamo deciso sostanzialmente, di mettere al centro dell’attenzione la figura di Paolo in tutti i sensi, creando una narrazione che lo esponesse in prima persona.

Video:


Insegui l’arte – Festival della Ri-Conoscenza

Insegui L’arte nasce dalla volontà di costruire un modello artistico-culturale in grado di riprendere quello che è la “tradizione” dei luoghi. In questo caso la parola “tradizione” diventa elemento fondamentale per la vitalità del progetto artistico: l’etimologia del termine riporta al verbo latino tradere ossia consegnare, dunque bisogna prima “tradire” per poter riconsegnare una verità che forse per troppo tempo è stata tradita dalle false tradizioni.”

“Nasce così l’idea del progetto “Insegui L’Arte” Festival della Ri-Conoscenza”, dove la parola festival potrebbe essere considerata accessorio verbale di una più ampia ricerca che il progetto Insegui L’Arte tende a disegnare, mira a far emergere quelle ricchezze insite in un determinato territorio; ri-conoscendole per riprodurre la loro verità.”



BE ALTERNATIVE FESTIVAL 2021

Una clip video che riassume il lavoro di Be Alternative, in un viaggio musicale alla scoperta dei luoghi più suggestivi della Calabria.
Dai parchi dell’area urbana, alle meraviglie della Sila, passando per il Castello Svevo e il centro storico di Cosenza.
Protagonista? La musica e la sua bellezza


PIANO SILA

Ideato daSILUNA ASSOCIAZIONE
Performance di: Serena Gatti / Angelo Arciglione
Con il contributo diParco Nazionale della Sila / Comune di Acri / Basilica Sant’Angelo di Acri

Un video che racconta in poco più di un minuto, la bellezza dei beni culturali, della musica e della poesia.

“Poesia e musica al servizio della memoria collettiva e del paesaggio.
Per i boschi inceneriti dalle fiamme, per gli animali morti e per gli alberi e i pascoli distrutti dagli incendi che l’estate scorsa hanno colpito il territorio calabrese, compresa la città di Acri.


SILUNA FEST

Siluna Fest è poesia, paesaggio, comunità ma è anche esperienza, riflessione, crescita.“ù

“Durante i giorni del festival il paesaggio diventa un teatro diffuso ed accoglie musicisti, poeti, scrittori, attori e chiunque voglia dare un proprio contributo, affinché il progetto culturale diventi essenza di quell’Opera d’arte a cielo aperto che è la Sila.
Siluna fest vuole essere tutt’uno con il paesaggio silano, nutrendosi della potente luce che dalle alture circostanti incontra le iridescenze del mar Ionio. L’emozione è il centro di tutto; quella di stare dentro un momento magico in cui c’è solo la ricerca della bellezza da far risuonare dentro come una voce ritrovata, una sorgente da custodire.”