Suoni antichi di Calabria

Ho iniziato seriamente a riprendere i suoni della tradizione della Calabria di recente. Era il 2017 infatti, quando con Roberta Caruso, la fiera itinerante ‘Calabria Ispirata’ ed il Festival dell’Ospitalità, andai in quel di Pentedattilo. Ad accoglierci, fra i tanti soggetti ed interlocutori, ci fu anche un suonatore di zampogna, venuto appositamente per farci conoscere quel tipo di cultura, relativa al repertorio dell’Aspromonte.

Un anno dopo, fra altre brevi incursioni, incrociai invece i ragazzi di Felici & Conflenti, che del recupero delle tradizioni orali del Reventino, ne hanno fatto una ragione di vita.

Un giovanissimo suonatore di organetto in un vicolo di Conflenti, fra gli sguardi di vecchie e nuove generazioni.

Da allora, la mia vita ed anche quella professionale è cambiata. Parte dei miei sforzi, si sono spostati nell’ambito del recupero delle tradizioni orali sottoforma di fotografia, video ed audio. Quello che era semplicemente un lavoro di documentazione per terzi, è diventato anche un lavoro di ricerca. Potrebbero infatti essere utili a capire il mio discorso il rito del Carnevale di Alessandria del Carretto o il mini-doc Confluenze.

La cosa più importante però, è che ad un certo punto, a parte le fotografie ed i video, visto il piccolo archivio che a mano a mano vado a riempire di piccoli tasselli, ho iniziato a pensare anche al linguaggio sonoro. Così è nata l’idea di raggruppare il tutto e chiamarlo ‘Suoni di Calabria’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *