Storia di un Pino Laricio solitario

Percorrendo la SS177 che dal lago Cecita sale per Cava di Melis, attraversando il valico di  Monte Altare e arrivando in modo tortuoso a Longobucco, mi ha sempre incuriosito un semplice e artigianale cartello con su scritto “Albero secolare. Mt. 500 – pino laricio”.
Un cartello in legno con vernice bianca, posto alla fine di uno dei tanti tornanti con una mulattiera che si perde nel bosco di castagno e pino laricio, in uno degli angoli più incontaminati e selvaggi della Sila Greca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *