Il culto della Madonna del Pilerio. La preghiera.

Nel tempo, accanto ai lavori su commissione, ho iniziato a sviluppare un ragionamento attorno al documentare. Nell’ultimo periodo, parallelamente alla documentazione di tradizioni orali legate ai mestieri e alla musica, mi sono concentrato sui riti religiosi. La Madonna del Pilerio, protettrice della città di Cosenza e celebrata in città il 12 febbraio, è stata l’occasione di mettermi all’opera accompagnato da Costantino Rizzuti del laboratorio Artis Lab.

Il culto della Madonna del Pilerio come protettrice della città di Cosenza, risale alla fine del sedicesimo secolo. In quel periodo un’epidemia di peste devastò diverse regioni geografiche dell’Italia. La tradizione vuole che un devoto in preghiera davanti all’icona della Madonna del Pilerio, si accorse che sul viso della Vergine era nata una macchia simile ad un bubbone della peste. Questo segno è stato interpretato dai fedeli come un modo di protezione da parte della Madonna che diventò così protettrice di Cosenza. I festeggiamenti in città avvengono ogni 12 febbraio per ricordare il terribile terremoto che sconvolse la Calabria in quel giorno del 1854.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *