Bovino (FG) – All’interno di uno dei borghi più belli d’Italia –

Sarà il nome che mi ispira simpatia, sarà il fatto che è uno dei borghi più belli d’Italia o sarà stata la voglia di vedere un’altra Puglia rispetto a quella salentina, il motivo scatenante che mi ha portato a Bovino, in un inverno gelido a cavallo fra fine ed inizio anno, con la tramontana che tagliava la faccia ed i vicoli a fare da riparo.

Perdersi a Bovino è una cosa impossibile, non tanto per il fatto che il cuore del borgo sia minuscolo, ma perchè la fitta rete di viuzze, passaggi e cunicoli, ti porterà sempre nel suo cuore. Ed allora, giocando con questa cosa, si può far finta di perdersi, ammirando la pietra delle case, le chiese, gli innumerevoli portali e la storia del posto, intatta e bloccata in un suo tempo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *